Ascopiave *S.p.A. ("Ascopiave" o la "Società") comunica che in data 30 settembre 2020 si è concluso il periodo di adesione all'Offerta in Opzione* di n. 5.334.329 azioni ordinarie Ascopiave rivolta ai possessori di azioni ordinarie della Società, ammesse a quotazione sul Mercato Telematico Azionario (MTA), per le quali non sia stato esercitato il diritto di recesso.

L'Offerta in Opzione è stata promossa da Ascopiave ai propri azionisti diversi dai soci recedenti, ai sensi dell'art. 2437-quater, commi 1 e 2, del codice civile ai termini e alle condizioni precisati nell'avviso agli azionisti relativo al deposito presso il Registro delle Imprese tenuto presso la Camera di Commercio di Treviso-Belluno della suddetta Offerta in Opzione, ai sensi dell'art. 2437-quater, comma 2, del codice civile, pubblicato sul sito internet di Ascopiave S.p.A. in data 3 luglio 2020, nonché sul quotidiano "Il Giornale" del 4 luglio 2020 ai sensi dell'art. 84 del Regolamento Consob n. 11971/1999.

Si ricorda che:

  • in data 29 maggio 2020 l'assemblea straordinaria di Ascopiave ha assunto, tra l'altro, una delibera (la "Delibera"), iscritta in data 4 giugno 2020 presso il Registro delle Imprese tenuto presso la Camera di Commercio di TrevisoBelluno, che ha approvato l'introduzione del nuovo art. 6-bis dello Statuto sociale, avente ad oggetto un limite all'esercizio del diritto di voto per gli azionisti che si qualifichino (o che appartengano a un gruppo nel quale vi sia un soggetto che si qualifichi) come operatori del settore della produzione e/o distribuzione e/o trasporto e/o acquisto e/o vendita del gas naturale e/o dell'energia elettrica e/o del settore dell'efficienza energetica e/o del servizio idrico e/o del servizio a rete in generale;

  • con avviso pubblicato in data 4 giugno 2020 ai sensi dell'art. 84 del Regolamento Consob n. 11971/1999, la Società ha comunicato termini e modalità di esercizio del diritto di recesso attribuito ai sensi dell'art. 2437 del codice civile a tutti i titolari di azioni ordinarie che non abbiano concorso all'approvazione della Delibera (il "Diritto di Recesso");

  • la Società ha avviato il procedimento di liquidazione delle azioni oggetto di recesso previsto dall'art. 2437-quater del codice civile sulla base del valore di liquidazione di ciascuna azione Ascopiave pari a Euro 3,9052, come determinato in data 6 aprile 2020 dal Consiglio di Amministrazione (il "Valore di Liquidazione"), in conformità con quanto disposto dall'articolo 2437-ter del codice civile, ovverosia facendo esclusivo riferimento alla media aritmetica dei prezzi di chiusura rilevati in Borsa nei 6 (sei) mesi precedenti la data di pubblicazione dell'avviso di convocazione dell'assemblea straordinaria (i.e. 20 marzo 2020);

  • in data 19 giugno 2020 è scaduto il termine per l'esercizio del Diritto di Recesso ai sensi dell'art. 2437-bis, comma 1, del codice civile (il "Termine di Esercizio") e in data 1° luglio 2020 la Società ha comunicato gli esiti finali dell'esercizio del Diritto di Recesso;

  • in particolare, è risultato validamente esercitato il Diritto di Recesso per n. 5.334.329 azioni ordinarie rappresentative del 2,276% del capitale sociale di Ascopiave per un controvalore complessivo di liquidazione di Euro 20.831.621,61;

si ricorda che, secondo quanto deliberato dall'assemblea degli azionisti, l'efficacia della Delibera era soggetta alla condizione che il numero di azioni oggetto di Diritto di Recesso che avrebbero dovuto essere acquistate dalla Società ad esito della procedura di liquidazione fosse inferiore al 5% del capitale sociale (corrispondente ad un esborso a carico della Società inferiore a Euro 45.771.201,21). Pertanto, essendo il numero di azioni ordinarie per le quali è stato esercitato il Diritto di Recesso inferiore al 5% del capitale sociale di Ascopiave, si è verificata la condizione di efficacia cui era soggetta la Delibera che, conseguentemente, ha acquisito piena efficacia;

  • ai sensi dell'art. 2437-quater, comma 1, del codice civile, le azioni ordinarie per le quali è stato esercitato il Diritto di Recesso (le "Azioni") sono state offerte in opzione agli azionisti della Società diversi dai soci recedenti, con possibilità per essi di esercitare anche il diritto di prelazione (di seguito "Diritto di Prelazione) sulle azioni rimaste inoptate, tramite la procedura indicata nel summenzionato avviso di Offerta in Opzione.

Si ricorda che la suddetta Offerta in Opzione era rivolta agli azionisti della Società, in proporzione al numero di azioni da ciascuno di essi possedute alla data del 2 luglio 2020 (ultimo giorno di mercato aperto prima dell'inizio del periodo di adesione) per le quali non sia stato esercitato il Diritto di Recesso; a ciascuna di tali azioni sono stati attribuiti diritti di opzione non negoziabili sul Mercato Telematico Azionario (MTA) su cui le azioni ordinarie della Società sono quotate, nella misura di un diritto di opzione per ogni azione detenuta (complessivamente considerati per ciascun azionista, i "Diritti di Opzione").

In particolare, le Azioni sono state offerte agli azionisti della Società, sulla base del rapporto di opzione di n. 0,024584099 azione ogni n. 1 Diritto di Opzione detenuto, procedendo con arrotondamento per difetto, ad un prezzo unitario pari ad Euro 3,9052 (il "Prezzo di Offerta"), pari al Valore di Liquidazione. Si ricorda altresì che gli azionisti che hanno aderito all'Offerta in Opzione, purché ne avessero fatto contestuale richiesta, avrebbero avuto altresì il diritto di prelazione nell'acquisto delle Azioni rimaste inoptate ad esito dell' Offerta in Opzione, per un prezzo pari al Prezzo di Offerta (il "Diritto di Prelazione").

Qualora il numero di Azioni per il quale venisse esercitato il Diritto di Prelazione fosse stato superiore al numero di Azioni rimaste inoptate, si sarebbe proceduto al riparto tra tutti i richiedenti in proporzione al numero di Diritti di Opzione da ciascuno di essi detenuti.

Si comunica che, ad esito del periodo di adesione, iniziato il 3 luglio 2020 e concluso il 30 settembre 2020 (estremi inclusi), per effetto dell'esercizio di complessivi n. 147.844 Diritti di Opzione, sono state opzionate n. 3.621 Azioni, rappresentative del 0,068% delle Azioni, per un controvalore complessivo pari a Euro 14.140,73. Si precisa altresì che è stato esercitato il Diritto di Prelazione con riferimento a 2.895 Azioni, pari al 0,054 % delle Azioni e a un controvalore complessivo pari a Euro 11.305,55. Pertanto, alla luce dei diritti esercitati da parte degli azionisti di Ascopiave, risultano opzionate n. 3.621 Azioni e prelazionate n. 2.895 Azioni, per un totale complessivo di n. 6.516 Azioni, rappresentative dello 0,122% delle Azioni, per un controvalore complessivo pari a Euro 25.446,29.

Si comunica altresì che residuano n. 5.327.813 Azioni, pari al 2,273% del capitale sociale della Società per un controvalore complessivo pari a Euro 20.806.175,33.

I successivi passaggi della procedura di liquidazione delle Azioni saranno resi noti dalla Società nei termini e con le modalità previste dalla normativa applicabile.

Il presente avviso sarà pubblicato sul quotidiano "Il Giornale" del 7 ottobre 2020.

(GD - www.ftaonline.com)