Vendite su Atlantia -1,9% dopo le indiscrezioni di Repubblica secondo cui il gruppo controllato dai Benetton ha rifiutato la proposta del governo di revisione globale delle concessioni autostradali. Si tratta di un accordo che costerebbe ad Atlantia circa 4 miliardi di euro tra investimenti e riduzione dei pedaggi a fronte del mantenimento delle concessioni. Da ieri il decreto milleproroghe è legge e quindi l'eventuale revoca costerebbe allo Stato circa 7 miliardi di euro e non più 23. Il governo pare compatto sulla linea dura, con l'eccezione del partito di Matteo Renzi: secondo Repubblica con il rifiuto della proposta i Benetton scommettono sulla caduta del governo Conte bis.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)