Il Consiglio di Amministrazione di Atlantia S.p.A. ("Atlantia" o la "Società"), riunitosi in data odierna, facendo seguito a quanto deliberato nelle sedute del 4 agosto e del 3 settembre scorso e preso atto delle difficoltà emerse nelle interlocuzioni con Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. ("CDP") , fermo restando l'auspicio che queste possano essere quanto prima superate, ha approvato un processo "dual track" al fine di pervenire in ogni caso, alla dismissione della partecipazione detenuta in Autostrade per l'Italia ("ASPI") da Atlantia, in coerenza con quanto comunicato al Governo italiano in data 14 luglio 2020 e quindi con un processo trasparente e di mercato e nel rispetto di tutti gli stakeholder di Atlantia e di ASPI.

  • Avviato un processo "dual track": vendita dell'intera quota dell'88% del capitale di ASPI tramite processo competitivo o, in alternativa, scissione parziale e proporzionale e conferimento di, rispettivamente, il 55% e il 33% del capitale sociale di ASPI nella neo-costituita Autostrade Concessioni e Costruzioni S.p.A. da quotarsi in Borsa con l'uscita di Atlantia dal suo capitale
  • Il processo "dual track" è rivolto sia a Cassa Depositi e Prestiti che ad altri investitori istituzionali nazionali ed internazionali
  • Entrambe le suddette operazioni sono sottoposte ad alcune condizioni sospensive, tra cui la finalizzazione dell'Atto Transattivo tra ASPI e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti
  • L'assemblea degli azionisti che esaminerà il progetto di scissione sarà convocata per il 30 ottobre 2020

(RV - www.ftaonline.com)