Autogrill +10,7% accelera la rialzo e tocca i massimi da metà aprile. Il titolo estende il rally originato dai minimi di giovedì scorso: in quella seduta Autogrill aveva invertito prepotentemente la rotta dopo un avvio negativo in scia ai risultati dei primi quattro mesi (al 30 aprile) del 2020. I ricavi sono scesi a 963 milioni di euro -33,9% a/a a cambi correnti e -35,3% su base like for like. Nel mese di aprile il dato ha fatto segnare un -88% a/a. L'EBITDA è crollato a +50,8 milioni (da +178,6) e l'EBIT a -157,7 milioni (da -8,8). Il gruppo ha segnalato però i "Primissimi segni di ripresa, specialmente in Italia e nel Resto dell'Europa, e in particolare nel canale autostradale, in seguito al parziale allentamento delle misure di lockdown nella prima metà di maggio". Inoltre il management ha messo in evidenza che sul versante dei costi, e in particolare degli affitti, sono stati "raggiunti accordi con un numero significativo di concedenti a livello globale relativamente alla riduzione o al rinvio degli affitti e negoziazioni in corso per ulteriori agevolazioni" e che ci sono "trattative in corso con la parte restante dei concedenti". Infine sono previste "misure aggiuntive, tra cui tagli alle spese discrezionali, blocco delle assunzioni e riduzione volontaria degli stipendi, nonché valutazione di tutte le opportunità messe a disposizione dai governi per gestire il periodo di lockdown".

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)