"Mentre siamo già a lavoro per l'attuazione della norma sull'incentivo all'acquisto di vetture a basso impatto ambientale, stiamo spingendo anche l'acceleratore per una rapida diffusione delle colonnine di ricarica elettrica e di metano sulle nostre autostrade. Un passaggio fondamentale, perché senza una adeguata infrastruttura di ricarica su tutto il territorio nazionale la diffusione di mezzi poco inquinanti rimane un'utopia". Lo dice in una nota il sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti, Michele Dell'Orco.

"Entro il 31 dicembre scorso – ricorda Dell'Orco - tutti i concessionari autostradali dovevano inviare al Mit un dettagliato piano per la diffusione, sulle tratte di competenza, di servizi di ricarica elettrica e a metano (sia GNC che GNL). Su questi piani si dovrà acquisire la valutazione del Ministero e procedere quindi con la concreta posa in opera".

"Ad oggi mancano ancora alcuni piani e per questo gli uffici preposti del Mit hanno inviato un sollecito ai concessionari ritardatari. In caso di ulteriore diniego potranno essere valutati eventuali azioni sanzionatorie".

"Detto ciò – conclude – mi auguro che si possano avviare, nel più breve tempo possibile, i lavori di realizzazione di una rete autostradale capillare di ricarica elettrica e a metano, imprescindibile per lo sviluppo e la diffusione di veicoli a basso impatto".

(GD - www.ftaonline.com)