Azimut Holding resta ben posizionata per estendere il rally partito a fine luglio. Conferme in tal senso giungerebbero a seguito di una stabilizzazione oltre quota 14,50 euro per il primo obiettivo a 15,10. Con il superamento di questo ultimo livello possibile la copertura del gap ribassista lasciato a metà maggio poco sopra i 16 euro. Discese sotto 13,80 preannuncerebbero invece un nuovo pericoloso test dei supporti a quota 13 (conferme sotto 13,50).

(SF - www.ftaonline.com)