Azimut Holding annuncia la nuova strategia di investimenti sostenibili. Il principale operatore indipendente del risparmio gestito in Italia presenta un piano che lo pone tra i best in class a livello europeo nell'adesione ai principi ESG (environmental, social, governance) e lo rende il gestore in Italia con maggiori masse dedicate all'investimento ESG *(7 miliardi di euro*) e in piccole e medie imprese italiane (10 miliardi di euro al 2024).

L'annuncio di oggi completa un percorso avviato da tempo con l'adesione di Azimut Holding al Forum per la Finanza sostenibile, associazione non profit che raduna operatori finanziari e altre organizzazioni interessate all'impatto ambientale e sociale degli investimenti, e da ora vede Azimut sottoscrittore dei PRI (Principles for Responsible Investment) e del CDP (ex Carbon Disclosure Project), organizzazione non profit che offre alle aziende un sistema per misurare e gestire le informazioni riguardanti il cambiamento climatico.

Con la pubblicazione odierna della policy ESG, Azimut si impegna a rispettare i principi ambientali, sociali e di governance nelle decisioni manageriali e gestionali e a comunicare in modo trasparente e coerente i propri obiettivi e le azioni in questo campo.

Accanto all'impegno verso l'allineamento degli obiettivi di business alla policy ESG, Azimut presenta una nuova linea di investimenti pienamente rispettosa dei principi di sostenibilità ambientale, sociale e di governance.

Con la creazione di Azimut Sustainable, la nuova gamma di prodotti sostenibili, il Gruppo si presenta sul mercato con un'offerta di investimento ESG unica in Italia, per varietà dei prodotti e per quantità delle risorse dedicate. La nuova linea di fondi si basa sul rispetto dei principi di sostenibilità nella costruzione dei portafogli di investimento che contribuiscono ad obiettivi ambientali, sociali e in società che perseguono politiche di adeguato governo ed organizzazione aziendale (governance).