A dispetto dell'andamento poco mosso dei principali indici a Piazza Affari, la seduta odierna prosegue in buon rialzo per Banca Monte Paschi.

Banca MPS in buon rialzo

Il titolo, dopo aver chiuso la sessione di ieri con un lieve progresso dello 0,26%, oggi riesce a fare decisamente meglio, mettendo a segno un incremento del 2,55% a 1,568 euro, con oltre 3,2 milioni di azioni transitate sul mercato fino ad ora, contro la media degli ultimi 3 mesi pari a circa 4 milioni di pezzi.

Banca MPS: rumor su nomina advisor per opzioni M&A

Banca Monte Paschi catalizza gli acquisti sulla scia di alcuni rumor relativi al Cda odierno che dovrebbe discutere della possibile nomina di un advisor per valutare opzioni strategiche sul fronte M&A.

A riportare queste indiscrezioni è il Sole 24 Ore, che nell'articolo odierno ricorda che già sotto la guida dell'ex AD Viola, Banca Monte Paschi aveva incaricato due consulenti per valutare una potenziale fusione.

Un tentativo che però non aveva prodotto i suoi frutti visto che si era approdati alla ricapitalizzazione precauzionale della banca senese, con conseguente ingresso del Tesoro nel capitale.

Banca MPS: la view di Fidentiis

Intanto gli analisti di Fidentiis non si entusiasmano per i rumor circolati oggi spiegando che anche laddove si dovesse giungere alla nomina di un avisor M&A, ciò non significherebbe che ci sarebbe già un partner disponibile per un deal.

Banca IMI: restano 3 ostacoli chiave

Secondo i colleghi di Banca IMI, la pulizia di gran parte degli Npl di Banca Monte Paschi agevola senza dubbio la fusione con un altro istituto bancario.
Restano in ogni caso degli ostacoli, quali il potenziale aumento di capitale, la questione delle cause legali e quella molto delicata relativa alla governance.

In attesa di novità gli analisti di Banca IMI non cambiano idea su Banca Monte Paschi, ribadendo la raccomandazione "hold".