A circa un'ora dalla chiusura delle contrattazioni odierne, Banco BPM sta ampliando progressivamente le perdite, dopo essersi mantenuto a poca distanza dalla parità fino a poca fa. 

Banco BPM si indebolisce dopo il rialzo di ieri

Dopo aver chiuso la seduta di ieri con un progresso di due punti percentuali, oggi il titolo ha provato a mantenersi a galla, salvo poi arretrare.

Negli ultimi minuti Banco BPM si presenta a 1,856 euro, con un calo dello 0,56% e oltre 13 milioni di azioni scambiate fino ad ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 28 milioni.

Banco BPM: collocato nuovo bond Tier 2 a 10 anni

Banco BPM si mostra incerto dopo che ieri il gruppo ha collocato con successo una nuova emissione subordinata Tier 2, con scadenza 10 anni (gennaio 2031) e opzione di richiamo anticipato dopo 5 anni, per un ammontare di 350 milioni di euro.

Il bond è stato emesso ad un prezzo pari a 99,53 e paga una cedola del 3,25% per i primi 5 anni, con un rendimento equivalente al tasso swap a 5 anni più 542 basis points, circa 160 in meno rispetto alla precedente emissione Tier 2 emessa lo scorso settembre con una cedola del 5%.

Il bond avrà i seguenti rating attesi: B1 (Moody’s) e BB (DBRS) e comporta un beneficio stimato in termini di Total Capital pari a circa 55 basis points.

Banco BPM sotto la lente di Equita SIM

Gli analisti di Equita SIM ricordano che con questa emissione Banco BPM ha emesso nel 2020 circa 1,9 miliardi di euro di nuova carta, di cui 1,2 miliardi di debito subordinato.

Confermata la view positiva sul titolo che per la SIM milanese merita una raccomandazione "buy", con un prezzo obiettivo a 2,2 euro, valore che implica un potenziale di upside di circa il 18% rispetto alle quotazioni correnti a Piazza Affari.