Banco BPM (+4,83%) supera con un balzo il lato superiore del canale che conteneva le oscillazioni dai minimi di ottobre 2018, a 2,36 circa, spingendosi fino a un massimo a 2,59 euro. L'abbrivio ha permesso la ricopertura del gap del 3 agosto 2018 a 2,44 euro, ma potrebbe creare le premesse per la realizzazione di uno slancio ulteriore verso obiettivi a 2,75, top dell'estate 2018. Al contrario, discese sotto 2,30 placherebbero l'euforia delle ultime sedute prospettando il ritorno in area 2,05/2,10. Sotto questa soglia possibile la ricopertura del gap del 6 febbraio con base a 1,96 euro circa.

(CC - www.ftaonline.com)