Barrick Gold ha affermato di aver compiuto importanti passi avanti nella riconfigurazione delle attività in Tanzania consolidate tramite il take-over di Acacia Mining lo scorso settembre. Il presidente della Repubblica Unita di Tanzania John Pombe Magufuli ha presenziato alla sigla del contratto che ha insediato una joint venture di Barrick e del governo. La jv dovrebbe garantire alla Repubblica la visibilità e la possibilità di interventi operativi presso le miniere di North Mara, Bulyanhulu e Buzwagi. L'accordo ratifica anche la creazione di Twiga Minerals Corporation, la società di gestione controllata pariteticamente dal Barrick e dal governo per la supervisione delle attività locali di Barrick ora possedute all'84% dalla società americana e al 16% dal governo.

L'intesa prevede una suddivisione 50/50 dei benefici economici derivanti dalle operazioni di miniera dopo il ripagamento degli investimenti. Nuovi progetti congiunti sono inoltre all'orizzonte come una partnership di Barrick con l'Università di Dar es Salaam e un impegno fino a 10 milioni di dollari nel finanziamento per oltre 10 anni di progetti di formazione per lo sviluppo del settore minerario. Barrick impegnerà anche fino a 40 milioni di dollari nel miglioramento della strada tra Bulyanhulu e Mwanza e nella costruzione di un compound abitativo con le relative infrastrutture.

In linea con l'impegno di Barrick per l'impiego e la promozione dei locali nelle proprie miniere, risorse umane di nazionalità tanzaniana saranno assunte e formate per rimpiazzare i dipendenti destinati alla dislocazione, come avvenuto in altre operazioni africane di Barrick. Inoltre gli uffici esteri di Acacia sono stati chiusi e i registri della compagnia, la documentazione giornaliera e la contabilità sono state riportati in Tanzania.