Non è possibile essere "super-ottimisti" sull'economia europea secondo il vicepresidente della Banca centrale europea, Luis De Guindos.

Nel corso di un evento a New York, De Guindos ha comunque osservato che sia probabile una accelerazione della crescita nella seconda metà del 2019. Secondo il vicepresidente, la Germania ha abbastanza margine fiscale per rispondere a una eventuale recessione economica aggiungendo che la BCE può sempre tornare sui propri passi e aumentare il grado di accomodamento monetario se necessario.
De Guindos aveva precedentemente commentato che l'Eurozona non è "immune" agli spillover del sentimento economico degli altri mercati mondiali e che i produttori dell'Eurozona stanno lottando con un rallentamento della domanda estera.

(CC - www.ftaonline.com)