E' ancora necessario un ampio grado di politica monetaria accomodante da parte della Bce per garantire una robusta convergenza dell'inflazione su livelli inferiori, ma prossimi al 2% nel medio termine. Lo ha dichiarato la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde durante la conferenza stampa di oggi, ricordando i rischi orientati al ribasso e derivanti all'Eurozona da fattori geopolitici, da un crescita del protezionismo e dalle fragilità dei mercati emergenti.

(GD - www.ftaonline.com)