Nel corso dell'ultima riunione di politica monetaria, tenutasi il 23 gennaio, il consiglio della Banca centrale europea ha espresso una visione cautamente ottimista sulle prospettive economiche della zona euro. Il report non tiene però conto delle minacce dell'epidemia di coronavirus allo scenario economico globlale.

In occasione di diversi interventi successivi, diversi esponenti Bce non hanno nascosto i timori sulle conseguenze del virus polmonare partito dalla Cina.

"E' importante riconoscere che segnali positivi si stanno concretizzando [per l'economia europea] e occorre reagire con tempismo alle variazioni nella valutazione dei rischi", si legge nelle minute. Alcuni consiglieri si sono però detti timorosi circa "un eccesso di ottimismo".

(CC - www.ftaonline.com)