Petrolio: chiusura in rialzo ieri per le quotazioni dell'oro nero che sono salite dello 0,35% a 54,38 dollari. Nel pomeriggio sarà diffuso il consueto report sulle scorte strategiche di petrolio da parte del Dipartimento dell'energia.

Giappone: il mese di novembre è partito tutto in salita per la piazza azionaria nipponica che oggi ha visto il Nikkei 225 terminare gli scambi a 22.420,08 punti, in progresso dell'1,86%. 

Wall Street: chiusura positiva ieri per la piazza azionaria americana dove il Dow Jones e l'S&P500 sono saliti rispettivamente dello 0,12% e dello 0,9%, mentre il Nasdaq Composite si è fermato a 6.727,67 punti, in rialzo dello 0,43%.

Dati Macro ed Eventi Usa: si segnala l'indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari, ma ben più importante sarà la stima ADP che ad ottobre dovrebbe registrare la creazione di 225mila nuovi posti di lavoro nel settore privato, rispetto alle 135mila unità di settembre. Per il dato finale dell'indice PMI manifatturiero di ottobre si stima una rilevazione pari a 54,5 punti, in rialzo rispetto ai 53,1 del mese precedente, mentre l'indice ISM manifatturiero di ottobre è atteso in calo da 60,8 a 59 punti.

Le spese per costruzioni a settembre dovrebbero mostrare una variazione positiva dello 0,1%, in frenata rispetto allo 0,5% di agosto.
L'evento più importante della giornata sarà il meeting della Fed che annuncerà la sua decisione sui tassi di interesse, destinati a rimanere fermi nel range 1%-1,25%. Gli investitori cercheranno di cogliere dal comunicato elementi utili per capire quali saranno le prossime mosse della Banca centrale americana nell'ultima riunione dell'anno in agenda a dicembre.