Petrolio: chiusura in rally ieri per le quotazioni dell'oro nero che si sono fermate a 38,29 dollari, in progresso del 4,67%.

Giappone: conclusione positiva per la piazza azionaria nipponica che ha visto il Nikkei 225 terminare gli scambi a 16.852,35 punti, in salita dell'1,26%.

Wall Street: chiusura positiva ieri per la piazza azionaria americana dove i tre indici principali hanno terminato gli scambi in salita. Il Dow Jones e l'S&P500 hanno segnato un rialzo dello 0,21% e dello 0,51%, mentre il Nasdaq Composite si è fermato a 4.674,38 punti, in progresso dello 0,55%.

Dati Macro ed Eventi Usa: in agenda solo il dato relativo alle nuove richieste di sussidi di disoccupazione che dovrebbero calare da 278mila a 272mila unità.
Prima dell'avvio degli scambi saranno diffusi i risultati degli ultimi tre mesi di Dollar General dai quali ci si attende un utile per azione pari a 1,26 dollari.

Dati Macro ed Eventi Europa: si guarderà nuovamente alla Germania dove è atteso il dato sulla bilancia commerciale destagionalizzata di gennaio che dovrebbe mostrare un saldo positivo di 19 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 18,8 miliardi di dicembre.
In Francia si conoscerà la produzione industriale di gennaio, vista in rialzo dell'1,2% rispetto alla flessione dell'1,6% precedente.

L'evento clou sarà l'appuntamento con la BCE che dovrebbe lasciare invariati i tassi di interesse allo 0,05% e annunciare un taglio a più livelli del tasso sui depositi.
Da seguire con molta attenzione la conferenza stampa del presidente Mario Draghi da cui dovrebbero arrivare nuove misure di allentamento della politica monetaria.