Petrolio: avvio di settimana in recupero per le quotazioni dell'oro nero che sono salite ieri dell'1,28% a 56,79 dollari.

Wall Street: chiusura in deciso rialzo ieri per la piazza azionaria americana dove il Dow Jones è rimasto più indietro con un progresso dello 0,79%, mentre l'S&P500 è salito dell'1,47%. Ancora meglio il Nasdaq Composite fermatosi a 7.558,96 punti, in ascesa del 2,02%.

Dati Macro ed Eventi Usa: oltre all'indice Redbook relativo alle vendite al dettaglio nelle maggiori catene americane, si conoscerà il dato sull'inflazione che a brevve dovrebbe mostrare una variazione positiva dello 0,2%, in rialzo rispetto alla lettura sulla parità di gennaio, e anche la versione "core" dovrebbe mostrare un progresso dello 0,2%, in lina con la rilevazione precedente.

Dati Macro ed Eventi Europa: non sono previsti dati macro di rilievo e si segnala un nuovo voto del Parlamento britannico su una mozione per approvare un accordo sulla Brexit.
In agenda oggi anche una riunione dell'Ecofin dopo quella odierna dell'Eurogruppo.

In Spagna si terrà l'asta dei titoli di Stato con scadenza a 3 e a 9 mesi per un ammontare compreso tra 1 e 2 miliardi di euro.

Risultati societari a Piazza Affari: da seguire Salvatore Ferragamo che presenterà i risultati completi e definitivi dell'esercizio 2018.

Alla prova dei conti anche Creval, doBank, Mediaset, Aeffe, BE, Fiera Milano, Marr, SeSa, Tinexta, Banca Profilo e LVenture Group.

Asta titoli di Stato: da seguire l'asta dei BOT con scadenza ad un anno per un ammontare di 6,5 miliardi di euro.