Petrolio: chiusura in calo ieri per le quotazioni dell'oro nero che sono scese del 2,09% a 50,51 dollari.

Wall Street: conclusione negativa ieri per la piazza azionaria americana dove il Dow Jones e l'S&P500 sono scesi rispettivamente dello 0,36% e dello 0,53%, mentre il Nasdaq Composite si è fermato a 6.905,92 punti, in calo dello 0,94%.

Dati Macro ed Eventi Usa: si conoscerà l'indice dei prezzi alla produzione che a dicembre dovrebbe mostrare una variazione negativa dello 0,1% dopo il rialzo dello 0,1% precedente, mentre per la versione "core" si prevede una frenata dallo 0,3% allo 0,2%.
Per l'indice New York Empire State Manufacturing di gennaio le stime parlano di un rialzo da 10,9 a 12 punti.

Da seguire un discorso di Esther George, presidente della Fed di Kansa City, a sono previsti anche gli interventi di Robert Kaplan e di Neel Kashkari, a capo rispettivamente della Fed di Dallas e di Minneapolis.

Risultati trimestrali Usa: da seguire prima dell'apertura di Wall Street i risultati del quarto trimestre 2018 di Delta Air Lines, con un eps atteso a 1,28 dollari. Alla prova dei conti anche due bancari quali Jp Morgan e Wells Fargo che per non deludere le attese dovranno centrare l'obiettivo di un utile per azione pari rispettivamente a 2,21 e a 1,19 dollari.

Dati Macro ed Eventi Europa: in agenda il dato relativo alla bilancia commerciale di novembre che dovrebbe mostrare un surplus in calo da 14 a 13,7 miliardi di euro.
In Germania sarà reso noto il PIL annuale del 2018 che dovrebbe mostrare una variazione positiva dell'1,5% rispetto al 2,2% precedente.

In tarda mattinata è atteso un discorso del presidente della BCE, Mario Draghi, il quale nel pomeriggio presenterà il rapporto annuale al Parlamento europeo.