Petrolio: chiusura positiva ieri per le quotazioni dell'oro nero che si sono fermate a 36,31 dollari, in progresso dell'1,9%. 

Giappone: conclusione negativa oggi per la piazza azionaria nipponica che ha visto il Nikkei 225 terminare gli scambi a 18.565,9 punti, in ribasso dell'1,68%.

Wall Street: chiusura in rialzo ieri per la piazza azionaria americana dove i tre indici principali hanno terminato gli scambi in progresso. Il Dow Jones e l'S&P500 sono saliti rispettivamente dello 0,6% e dello 0,48%, mentre il Nasdaq Composite si è fermato a 4.952,23 punti, in rialzo dello 0,38%.

Dati Macro ed Eventi Usa: si segnala l'indice Redbook relativo alle vendite al dettaglio nelle maggiori catene americane. Per l'indice New York Empire State Manufacturing di dicembre si prevede una lettura a -5 punti, in recupero rispetto alla precedente fermatasi a -10,74 punti.

In agenda anche l'inflazione che a novembre dovrebbe attestarsi sulla parità, rispetto al rialzo dello 0,2% precedente, mentre la versione "core", depurata cioè delle componenti più volatili quali alimentari ed energia, dovrebbe salire dello 0,2%, in linea con la rilevazione precedente.
Per l'indice Nahb di dicembre si prevede un rialzo da 62 a 63 punti.

Risultati trimestrali Usa: prima dell'avvio degli scambi a Wall Street saranno diffusi i risultati degli ultimi tre mesi di FactSet Research Systems dai quali ci si attende un utile per azione pari a 1,47 dollari.

Dati Macro ed Eventi Europa: si conoscerà il dato relativo all'occupazione che nel terzo trimestre dovrebbe mostrare una variazione positiva dello 0,3%, in linea con la lettura dei tre mesi precedenti.
Si guarderà alla Germania dove sarà diffuso l'indice Zew che a dicembre dovrebbero salire da 10,4 a 15 punti.
Da seguire in Spagna l'asta dei titoli di Stato con scadenza a 3 e a 9 mesi per un ammontare compreso tra 2 e 3 miliardi di euro.