Petrolio: chiusura in caduta libera ieri per le quotazioni dell'oro nero che hanno lasciato sul parterre il 4,8%, fermandosi a 48,9 dollari.

Giappone: l'ultima seduta della settimana si è chiusa in calo per la piazza azionaria nipponica che ha visto il Nikkei 225 cedere lo 0,64% a 19.686,84 punti.

Wall Street: chiusura positiva anche ieri per la piazza azionaria americana dove i tre indici principali hanno terminato gli scambi in rialzo. Il Dow Jones e l'S&p500 sono saliti dello 0,34% e dello 0,44%, mentre il Nasdaq Composite ha guadagnato lo 0,69% a 6.205,26 punti.

Dati Macro ed Eventi Usa: si segnala il PIL del primo trimestre che nella seconda lettura dovrebbe mostrare una variazione positiva dello 0,8% rispetto allo 0,7% dell'indicazione preliminare, in frenata in confronto al 2,1% degli ultimi tre mesi del 2016.

Per gli ordini di beni durevoli ad aprile si stima una flessione dell'1% rispetto al rialzo dello 0,9% precedente, mentre al netto della componente trasporti le stime parlano di un incremento dello 0,2% dalla contrazione dello 0,2% di marzo.

Per il dato finale della fiducia Michigan di maggio si prevede una rilevazione pari a 97,7 punti, in linea con quella preliminare e in rialzo rispetto ai 97 punti della versione definitiva di aprile.
In calendario un discorso di Robert Kaplan, presidente della Fed di Dallas e di James Bullard, a capo della Fed di St.Louis.

Dati Macro ed Eventi Europa: si guarderà all'Italia dove sarà reso noto l'indice relativo alla fiducia delle imprese che a maggio dovrebbe salire frazionalmente da 107,9 a 108 punti, mentre l'indice della fiducia dei consumatori, sempre con riferimento al mese in corso, dovrebbe aumentare da 107,7 a 108 punti.
Oggi avrà inizio il G7 a Taormina.