Petrolio: chiusura in deciso rialzo ieri per le quotazioni dell'oro nero che sono salite del 2,6% a 53,31 dollari.
Nel pomeriggio sarà diffuso il consueto report sulle scorte strategiche di petrolio da parte del Dipartimento dell'energia.

Wall Street: conclusione contrastata ieri per la piazza azionaria americana dove a salire è stato solo il Dow Jones, con un rialzo dello 0,21%, mentre l'S&P500 è sceso dello 0,15%. Segno meno anche per il Nasdaq Composite, fermatosi a 7.028,29 punti, in flessione dello 0,81%.

Dati Macro ed Eventi Usa: oltre all'indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari, si conoscerà la stima ADP che in riferimento al mese di gennaio dovrebbe evidenziare la creazione di 175mila nuovi posti di lavoro nel settore privato, rispetto alle 271mila unità di dicembre.

Da seguire anche la seconda lettura del PIL del quarto trimestre per la quale si prevede un rialzo del 2,8% rispetto al 3,4% dei tre mesi precedente. Per l'indice home pending sales di dicembre si stima un rialzo dello 0,5% dopo il calo dello 0,7% precedente.

L'evento clou della seduta sarà il meeting della Fed che annuncerà la sua decisione sui tassi di interesse, attesi invariati al 2,25%/2,5%. Mezz'ora dopo sarà da seguire la conferenza stampa del presidente Jerome Powell.

Da segnalare che per oggi è atteso l'arrivo a Washington del vice premier cinese per le trattative commerciali con gli Usa. 

Risultati trimestrali Usa: da seguire prima dell'apertura di Wall Street i conti degli ultimi tre mesi di Alibaba e di AT&T, con un eps atteso a 1,68 e a 0,86 dollari, mentre per Boeing e McDonald's si prevede un utile per azione pari a 4,58 e a 1,89 dollari.