Borsa italiana debole con STM e automotive, Luxottica accelera con ok antitrust: FTSE MIB -0,70%.

Mercati azionari europei in rosso. Wall Street debole: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 -0,2%, Nasdaq Composite -0,2%, Dow Jones Industrial -0,2%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a -0,70%, il FTSE Italia All-Share a -0,78%, il FTSE Italia Mid Cap a -1,28%, il FTSE Italia STAR a -1,81%.

Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata, negli USA a febbraio l'indice ISM Manifatturiero si è attestato a 60,8 punti dai 59,1 punti registrati il mese precedente. Il dato e' risultato superiore alle attese degli analisti che avevano stimato un valore pari a 58,7 punti. Negli USA a gennaio l'indice principale PCE (prezzi al consumo esclusi alimentari e bevande) e' risultato in crescita dello 0,3% su base mensile, in linea con le attese e dal +0,2% della rilevazione precedente. Lo stesso indice calcolato rispetto a un anno fa è cresciuto dell'1,5% (pari al consensus). La spesa personale è salita dello 0,2% dal +0,4% di dicembre e i redditi personali sono aumentati dello 0,4% in linea con la rilevazione precedente, in lieve crescita rispetto al +0,3% delle attese. La spesa per le costruzioni USA e' rimasta ferma a gennaio dopo essere cresciuta dello 0,8% a dicembre e deludendo le attese degli economisti fissate su un incremento dello 0,3%. Negli USA le nuove richieste di sussidi di disoccupazione nella settimana terminata il 23 febbraio si sono attestate a 210 mila unità, inferiori alle attese fissate a 226 mila unità. L'indice Markit PMI manifatturiero eurozona a febbraio si è attestato a 58,6 punti, meglio dei 58,5 della stima preliminare e del consesus. Markit ha reso noto che in Italia l'indice PMI manifatturiero, nel mese di febbraio e' sceso a 56,8 punti dai 59 punti di gennaio (consensus 57,5 punti). Eurostat ha comunicato che nell'eurozona a gennaio il tasso di disoccupazione si e' attestato all' 8,6%, pari alle attese e alla rilevazione precedente (rivista al ribasso da 8,7%). L'istat ha reso noto che a gennaio 2018 in Italia il tasso di disoccupazione si è attestato all'11,1%, in crescita dal 10,9% di dicembre (rivisto da 10,8%) e superiore al 10,8% atteso.