Avvio di seduta in ripiegamento per l'azionario italiano ed europeo. L'indice *Ftse Mib *cede lo 0,37% e il Ftse Italia All Share lo 0,36 per cento.

Il presidente USA Donald Trump *ha emesso nuove "dure" sanzioni contro l'Iran* che dovrebbero escludere il leader supremo Ali Khamenei e altre personalità del suo ufficio dall'accesso al sistema finanziario statunitense e ad attività negli Stati Uniti. La decisione, in parte preannunciata, segue l'abbattimento di un drone statunitense da parte di Teheran, l'annuncio USA di un cyber-attacco ai danni dell'Iran (che però ha smentito) e i misteriosi attacchi alle navi in transito nel Golfo di Hormuz. L'ulteriore pressione esercitata da Washington sul regime di Khamenei si appaia alle tensioni commerciali con la Cina, che, in vista del possibile incontro al G20 di Osaka dei prossimi giorni, rimangono elevate.

Nel mercato dei titoli di Stato europei si registra un allargamento dello spread BTP/Bund a 249 punti base. Il rendimento del decennale italiano cresce di 3 punti base al 2,17% e quello del Bund tedesco cede 3 punti base tornando a quota -0,32 per cento.

Atteso un altro incontro del premier italiano Giuseppe Conte con i vice Luigi Di Maio e Matteo Salvini oltreché con il ministro dell'Economia Giovanni Tria per fare il punto sul quadro di finanza pubblica da presentare all'Europa per scongiurare la procedura per eccesso di debito. Domani il governo dovrebbe approvare una legge di assestamento e prevederebbe un taglio del deficit 2019 al 2,1% contro il 2,4% indicato ad aprile. L'UE sembra volere però delle garanzie anche sui saldi 2020.
Da segnalare l'aggiudicazione all'Italia delle Olimpiadi Invernali del 2026.