Borsa italiana in recupero su ipotesi incontro Trump-Xi, Prysmian sotto i riflettori. FTSE MIB +0,82%.

*Il FTSE MIB segna +0,82%, il FTSE Italia All-Share +0,80%, il FTSE Italia Mid Cap +0,59%, il FTSE Italia STAR +0,86%.

BTP stabili. *Il decennale rende il 2,70% (invariato rispetto alla chiusura precedente), lo spread sul Bund segna 275 bp (-1 bp) (dati MTS). Oggi il Tesoro colloca in asta fino a 6,75 miliardi di euro di BTP con scadenza 2022, 2026 e 2049.

Mercati azionari europei in rialzo: Euro Stoxx 50 +0,8%, FTSE 100 +0,7%, DAX +0,6%, CAC 40 +1,0%, IBEX 35 +0,6%.

Future sugli indici azionari americani positivi: S&P 500 +0,6%, NASDAQ 100 +0,8%, Dow Jones Industrial +0,5%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 -2,41%, NASDAQ Composite -3,41%, Dow Jones Industrial -2,38%.

Mercato azionario giapponese negativo, il Nikkei 225 ha chiuso a -0,59%. Borse cinesi in rosso: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha terminato a -0,64%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna -1,6% circa.

I mercati azionari recuperano terreno dopo che il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, ha dichiarato che c'è la forte possibilità che i due presidenti Donald Trump e Xi Jinping si incontrino a fine giugno al G20 in Giappone, ma per il momento non sono stati programmati altri round negoziali. Le borse sono andate in fibrillazione nelle ultime sedute dopo il fallimento degli incontri a Washington della scorsa settimana e il botta e risposta tra USA e Cina a colpi di nuovi dazi reciproci.

*A Milano si mettono in evidenza tra le blue chip Amplifon +3,2%, STMicroelectronics +2,5%, Ferrari +2,2%, Unipol +2,5%, Buzzi Unicem +2,2%.