Avvio di ottava in moderato rialzo a Piazza Affari con il Ftse Mib *che guadagno lo 0,41% e il Ftse Italia All Share che recupera lo 0,4 per cento. Positivo anche l'andamento delle altre maggiori borse europee.
Questa settimana sono previste le importanti decisioni e prospettive di *politica monetaria
della Fed statunitense, della Banca del Giappone e della Banca d'Inghilterra.
Potrebbe essere inoltre una settimana decisiva per il *confronto tra l'Italia e l'Unione Europea *sulla situazione del debito pubblico del Bel Paese e l'eventuale avvio di un procedura per eccesso di debito. Giovedì e venerdì prossimo è prevista una importante riunione del Consiglio Europeo e l'Italia deve inviare un segnale di stabilità prima di allora.
Bruxelles avrebbe chiesto, secondo La Stampa, tagli per 4 miliardi di euro e impegni chiari sull'eventuale sblocco delle clausole di salvaguardia senza l'annuncio di nuove misure in deficit.
Alla posizione di dialogo del ministro dell'Economia Giovanni Tria, si contrappone la fermezza della Lega sulle proposte relative alla flat tax e alle ipotesi sui mini-Bot (che sembra stiano rendendo più difficoltoso il dialogo con l'Europa). La situazione è dunque ancora una volta carica d'incertezze.
Durante i primi scambi comunque lo *spread BTP/Bund *flette a 254 punti base con il rendimento del BTP decennale italiano in flessione di 4 punti base al 2,29 per cento.

Il comparto bancario inizia la settimana in territorio positivo con il Ftse Italia Banche in rialzo dello 0,83 per cento. Spiccano *Banco BPM *(+1,82%), *Unicredit *(+1,34%), e *Bper *(+0,70%). Si segnala che il un comunicato di ieri i commissari di *Banca Carige *(sospesa) hanno richiesto "serenità e sobrietà di giudizio da parte di tutti" in questa fase assai delicata per il futuro della banca genovese. La richiesta sarebbe seguita alle critiche del socio di riferimento Vittorio Malacalza alle ipotesi di un acquisto del gruppo da parte del fondo Usa Apollo.