Borsa italiana in verde con Saipem e Atlantia. FTSE MIB +0,16%.

*Il FTSE MIB segna +0,16%, il FTSE Italia All-Share +0,18%, il FTSE Italia Mid Cap +0,27%, il FTSE Italia STAR +0,32%.

Mercati azionari europei incerti:* Euro Stoxx 50 invariato, FTSE 100 -0,4%, DAX +0,2%, CAC 40 invariato, IBEX 35 +0,1%.

Future sugli indici azionari americani poco mossi: S&P 500 invariato, NASDAQ 100 +0,1%, Dow Jones Industrial +0,1%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +0,24%, NASDAQ Composite +0,06%, Dow Jones Industrial +0,35%.

Mercato azionario giapponese stabile, l'indice Nikkei 225 stamattina ha chiuso a +0,09%. Borse cinesi positive: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen poco fa ha chiuso a +1,82%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna +0,5% circa.

Atlantia (+2,4%) prolunga il recupero di ieri pomeriggio: alcuni esponenti leghisti del governo frenano sul dossier della revoca e nazionalizzazione delle concessioni autostradali. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Massimo Giorgetti ha definito prematuro parlare di nazionalizzazione, mentre il sottosegretario ai Trasporti, Edoardo Rixi, ha affermato che non bisogna prendere decisioni d'impulso. Il premier Conte ha dichiarato che sta lavorando sul tema delle penali e che l'offerta da 500 milioni di euro di Autostrade è modesta rispetto agli utili conseguiti e potrebbe essere quintuplicata.

In netto recupero anche gli altri titoli del settore SIAS (+2%), ASTM (+4,6%), le società del gruppo Gavio attive nelle infrastrutture e concessioni autostradali.

Saipem (+3%) rimbalza dopo le flessioni delle ultime sedute grazie alla notizia dell'aggiudicazione dei "contratti per la seconda fase dello sviluppo del giacimento Liza, progetto operato da Esso Exploration & Production Guyana Limited (EEPGL), controllata di ExxonMobil". Il valore complessivo dei contratti ammonta a circa 700 milioni di dollari.