Borsa italiana in verde. Bene STM, deboli i bancari. FTSE MIB +0,20%.

Il FTSE MIB segna +0,20%, il FTSE Italia All-Share +0,24%, il FTSE Italia Mid Cap +0,51%, il FTSE Italia STAR +0,41%.

BTP in lieve rialzo, poco mosso lo spread. Il rendimento del decennale segna 0,91% (chiusura precedente a 0,93%), lo spread sul Bund segna 150 bp (da 151) (dati MTS).

Mercati azionari europei in rialzo: Euro Stoxx 50 +0,4%, FTSE 100 +0,3%, DAX +0,3%, CAC 40 +0,3%, IBEX 35 +0,1%.

Future sugli indici azionari americani sotto la parità: S&P 500 -0,2%, NASDAQ 100 -0,1%, Dow Jones Industrial -0,1%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +0,80%, NASDAQ Composite +1,12%, Dow Jones Industrial +0,47%.

Mercato azionario giapponese in verde, il Nikkei 225 ha terminato a +0,32%. Borse cinesi negative: Shanghai e Shenzhen sono chiuse per festività (riapriranno martedì 8 ottobre), l'indice Hang Seng di Hong Kong al momento segna -1,0% circa.

Buon avvio di seduta per STM +2,5% in scia all'indice SOX (settore semiconduttori USA) che ieri sera ha chiuso a +1,71%. In rialzo anche gli altri titoli europei del comparto: ASML +0,8%, Infineon +1,5%, AMS +3,4%, Dialog Semiconductor +2,9%.

Bancari in flessione: l'indice FTSE Italia Banche segna -0,4%. In calo Banco BPM -1,8%, UBI Banca -0,8%, BPER Banca -0,5%.

Banca MPS +2,9% tonica grazie alle indiscrezioni del Sole 24 Ore secondo cui il governo italiano sta trattando con la Commissione Europea per liberare Rocca Salimbeni di circa due terzi dei crediti deteriorati che gravano sul suo bilancio. Si parla di circa 10 miliardi di euro di NPL che potrebbero essere oggetto di uno spin off in una società da fondere poi con AMCO Asset Management Company (nuovo nome della SGA controllata dal Tesoro). L'operazione tenderebbe a facilitare la vendita di MPS, dato che il ministero dell'Economia si è impegnato con Bruxelles a uscire dal capitale (ha il 68%) entro fine anno.