Petroliferi in verde: il greggio sale sui massimi da fine settembre/inizio ottobre. Il future dicembre sul Brent segna 60,25 $/barile, il future novembre sul WTI 54,50 $/barile. Una petroliera iraniana è in fiamme al largo della costa dell'Arabia Saudita, sembra dopo essere stata colpita da due missili: i media di Teheran riferiscono che si tratta di un attacco terroristico. A Milano Eni +1,1%, Tenaris +0,8%, Saipem +0,6%.

Fari puntati su Mediobanca +0,4% e sulla controllata Generali +0,4%, dopo le indiscrezioni del Financial Times secondo cui Leonardo Del Vecchio è intenzionato a salire oltre il 10% in Mediobanca, dal 6,94% attuale raggiunto con le recenti operazioni. Il fondatore di Luxottica (oggi fusa in EssilorLuxottica) secondo voci di mercato è già salito a ridosso del 10% ma per superare tale soglia occorre l'ok della BCE (possibile che interlocuzioni in tal senso siano già state avviate). Qual è l'obiettivo di Del Vecchio? L'imprenditore vorrebbe un cambio di rotta, un nuovo piano industriale che rimetta al centro l'attività di investment banking e non si basi solo su Generali (di cui Mediobanca è primo azionista con il 13,5%, Del Vecchio ha il 4,9%) e Compass, quindi sul consumer finance, attività su cui invece punta l'attuale a.d. Alberto Nagel (il cui mandato, insieme a quello del cda, scade tra un anno).

Performance positiva per Falck Renewables +2,4%. Tramite la "controllata Falck Renewables Wind Ltd., ha firmato un accordo di sviluppo congiunto con REG Windpower Ltd. per circa 200 MW di progetti solari ed eolici nel Regno Unito. A questo fine, è stata istituita una società di sviluppo dedicata, Naturalis Energy Developments Ltd., partecipata al 70% da Falck Renewables Wind Ltd. e al 30% da REG Damery Developers Ltd".