Borsa italiana poco mossa: brilla Telecom, STM e Cerved in rosso. FTSE MIB +0,15%.

*Il FTSE MIB segna +0,15%, il FTSE Italia All-Share +0,06%, il FTSE Italia Mid Cap -0,70%, il FTSE Italia STAR -0,82%.

Mercati azionari europei incerti:* Euro Stoxx 50 invariato, FTSE 100 +0,1%, DAX 30 -0,3%, CAC 40 -0,3%, IBEX 35 +0,3%.

Future sugli indici azionari americani positivi: S&P 500 +0,5%, NASDAQ 100 +0,6%, Dow Jones Industrial +0,4%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 -0,55%, NASDAQ Composite -1,63%, Dow Jones Industrial -0,99%.

Mercato azionario giapponese in rialzo, stamattina il Nikkei 225 ha terminato la seduta a +1,45%. Borse cinesi contrastate: l'indice CSI 300 (Shanghai e Shenzhen) ha chiuso a +1,08%, l'Hang Seng (Hong Kong) al momento segna -0,9% circa.

Telecom Italia (+2,8%) positiva in avvio dopo il +4,36% di ieri. Restano in primo piano le indiscrezioni di Milano Finanza (confermate a Reuters da tre fonti vicine al dossier) secondo cui oggi il cda potrebbe deliberare l'avvio di trattative in esclusiva con il fondo americano I Squared per la vendita di Persidera a 250 milioni di euro circa. Telecom ha il 70% della società ma Gedi, che ha il rimanente 30%, preferirebbe vendere Persidera a Rai Way per 200 milioni ma senza i multiplex (valutati 100 milioni). Rai Way a fine settembre aveva presentato un'offerta vincolante. Gedi potrebbe esercitare il diritto di prelazione, acquistare il 70% in mano a Telecom e rivendere a Rai Way, oppure mantenere il proprio 30% con I Squared nuovo socio di maggioranza al 70%. L'obiettivo di Telecom, che intanto ha dato mandato a Rothschild per la vendita di Sparkle (750-800 milioni), è chiudere l'operazione entro fine anno al fine di incamerare liquidità per compensare l'esborso superiore al previsto sostenuto per le frequenze 5G.