Borsa italiana positiva con dati macro cinesi. FTSE MIB +0,56%.

Il FTSE MIB segna +0,56%, il FTSE Italia All-Share +0,55%, il FTSE Italia Mid Cap +0,62%, il FTSE Italia STAR +0,24%.

BTP in netto calo, poco mosso lo spread. Il rendimento del decennale segna 1,41% (chiusura precedente a 1,34%), lo spread sul Bund segna 170 bp (da 169) (dati MTS).

Mercati azionari europei in ascesa: Euro Stoxx 50 +0,6%, FTSE 100 +0,7%, DAX +0,7%, CAC 40 +0,7%, IBEX 35 +0,4%.

Future sugli indici azionari americani positivi: S&P 500 +0,4%, NASDAQ 100 +0,4%, Dow Jones Industrial +0,4%. Le chiusure dei principali indici nella seduta precedente : S&P 500 -0,40%, NASDAQ Composite -0,46%, Dow Jones Industrial -0,40%.

Mercato azionario giapponese in progresso, il Nikkei 225 ha terminato a +1,01%.* Borse cinesi positive:* l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a +0,19%, l'Hang Seng di Hong Kong a +0,37%. *Quarto mese consecutivo sopra la soglia che separa contrazione da espansione per l'attività manifatturiera di Pechino: il Purchasing Managers' Index (Pmi) della Cina elaborato da Markit/Caixin è infatti salito in novembre a 51,8 punti dai 51,7 punti di ottobre (51,4 punti in settembre). Il dato si attesta sui massimi dai 51,9 punti del dicembre 2016.

Buon avvio per FinecoBank *+2,2% a 11,51 euro. HSBC ha confermato la raccomandazione buy e incrementato il target da 12,00 a 12,70 euro.

*Positiva FCA *+1,5%: raggiunta una bozza di accordo con il sindacato americano UAW. La bozza dovrà essere esaminata e ratificata dai 47200 dipendenti di FCA rappresentati da UAW.

*CIR +4,2% *guadagna terreno dopo che il gruppo, su richiesta della CONSOB, informa che "sono in corso discussioni con EXOR N.V. ("EXOR") concernenti una possibile operazione di riassetto dell'azionariato di GEDI che condurrebbe all'acquisizione del controllo su GEDI da parte di EXOR". Attualmente CIR è il principale azionista di GEDI con il 43,4%, mentre Exor (+2,3%) ha il 4,8% (più un altro 2,2% riferibile al gruppo Agnelli-Elkann). Secondo indiscrezioni CIR accetterà l'offerta di Exor: quest'ultima lancerà successivamente un'OPA per poi passare probabilmente al delisting. CIR ha convocato per oggi il cda. Le azioni GEDI sono temporaneamente sospese dalle negoziazioni in attesa di comunicato.