Borsa italiana sopra la parità: Ftse Mib +0,2%. Telecom e Saipem in rialzo, Parmalat vola con OPA Lactalis, brutte notizie per MPS.

*Il Ftse Mib segna +0,2%, il Ftse Italia All-Share +0,1%, il Ftse Italia Mid Cap +0,6%, il Ftse Italia Star +0,4%.

Mercati azionari europei in lieve rialzo.* DAX +0,2%, CAC 40 +0,1%, IBEX 35 +0,1%. Londra chiusa per festività.

Future sugli indici azionari americani in parità. Le chiusure della seduta precedente a Wall Street: S&P 500 +0,13%, Nasdaq Composite +0,28%, Dow Jones Industrial +0,07%.

Tokyo poco mossa con il Nikkei 225 a +0,03%. Borse cinesi in lieve calo: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a -0,18%. Hong Kong oggi è rimasta chiusa per festività.

*Euro poco mosso contro dollaro. *EUR/USD al momento viene scambiato a 1,0450 circa.

Mercati obbligazionari eurozona poco mossi. Il rendimento del Bund decennale è stabile allo 0,26%, quello del BTP sale di 2 bp all'1,84% (-1 bp per il Bono spagnolo all'1,37%). Lo spread sale di 2 bp a 158.

Brusco rientro dal lungo fine settimana di Natale per Banca MPS. La BCE ha chiesto che l'aumento di capitale di Rocca Salimbeni salga da 5 a 8,8 miliardi di euro, alla luce dello shortfall emerso dai risultati dello stress test del 2016 e al rapido peggioramento della liquidità. Lo Stato Italiano, secondo le indiscrezioni di stampa, contribuirà con 6,3-6,5 miliardi di euro, mentre il resto sarà a carico degli obbligazionisti. Il titolo resta sospeso dagli scambi.

*Bancari in lieve calo. L'indice FTSE Italia Banche segna -0,3%, l'EURO STOXX Banks -0,3%.

BP Milano (-1,7%) e Banco Popolare (-1,5%) perdono nettamente terreno*. Venerdì scorso Fitch aveva peggiorato il rating su Bpm di due notch da BB+ a BB-, e di un notch (da BB+ a BB) sul Banco. Il 1° gennaio sarà efficace la fusione tra i due istituti.