Borsa italiana sotto la parità e spread in rialzo, focus resta su coronavirus. FTSE MIB -0,42%.

Il FTSE MIB segna -0,42%, il FTSE Italia All-Share -0,37%, il FTSE Italia Mid Cap -0,24%, il FTSE Italia STAR +0,30%. Si registrano due casi di coronavirus fuori dal nord Italia: a Firenze e a Palermo.

BTP e spread in peggioramento. Il rendimento del decennale segna 0,99% (chiusura precedente a 0,95%), lo spread sul Bund segna 148 bp (da 143) (dati MTS).

Mercati azionari europei incerti: Euro Stoxx 50 -0,1%, FTSE 100 +0,2%, DAX +0,1%, CAC 40 +0,0%, IBEX 35 -0,2%.

Future sugli indici azionari americani in recupero: S&P 500 +0,6%, NASDAQ 100 +0,8%, Dow Jones Industrial +0,4%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 -3,35%, NASDAQ Composite -3,71%, Dow Jones Industrial -3,56%.

Mercato azionario giapponese in forte ribasso, il Nikkei 225 ha terminato a -3,34%. Borse cinesi stabili: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a -0,22%, l'indice Hang Seng di Hong Kong a +0,27%.

Bancari in ulteriore flessione: l'indice FTSE Italia Banche segna -0,62% dopo il -5,41% di ieri. I titoli del comparto sono penalizzati dal possibile ulteriore rallentamento della crescita economica italiana causato dalla crisi del coronavirus: settori come turismo e commercio al dettaglio potrebbero andare in crisi. Negative Banco BPM -2,9%, Mediobanca -1,1%, BPER Banca -1,0%.

Juventus FC -2,5% ripiega dopo un iniziale tentativo di recuperare terreno a seguito del -11,83% accusato ieri con il titolo sceso sui minimi da novembre 2018. L'epidemia di coronavirus ha spinto le autorità a decidere che le prossime partite di calcio nelle zone più a rischio vengano giocate a porte chiuse, senza incassi da biglietti e quindi con un danno economico notevole per le società calcistiche.