Parlare di possibilita' di rimbalzo per la borsa italiana a poche ore dalla probabile intervento di Standard&Poor's, che aggiornerà il rating del debito sovrano dell'Italia (quasi certo un declassamento di un notch da BBB a BBB-) sembra azzardato, ma in realta' Il Ftse Mib ha disegnato un "two-bar reversal" il 24 e 25 ottobre, una figura potenzialmente rialzista (la seduta del 25 ottobre ha praticamente replicato quella del 24 ma scambiando la posizione dei valori di apertura e chiusura) in prossimita' della base del canale decrescente disegnato dai massimi di maggio (base del canale che invece e' stata toccata con precisione nelle stesse due sedute sul grafico del future Ftse Mib). Perche' le implicazioni positive derivanti dalla presenza del pattern vengano confermate sara' tuttavia necessario il superamento almeno dei 18925 punti. In quel caso atteso il test a 18915 circa del lato alto del canale decrescente che parte dal top del 26 settembre (interno rispetto a quello menzionato sopra) e a 19115 della media mobile esponenziale a 100 ore. Solo oltre questa coppia di resistenze un eventuale rimbalzo potrebbe acquistare forza e proporsi per la ricopertura del gap ribassista dell'8 ottobre con lato alto a 20321 punti. Resistenza intermedia a 19910 circa. Sotto area 18400 invece rischio di movimenti verso la base del canale discendente di piu' recente origine, a 17820, ultimo supporto in grado di evitare la ricopertura del gap rialzista del 7 dicembre 2016 a 17757 euro circa.

(AM - www.ftaonline.com)