La Borsa di New York ha aperto la prima seduta della settimana e del mese di agosto in rialzo grazie alla crescita, superiore alle attese, dell'attività manifatturiera in Cina e nella zona euro. Il Dow Jones guadagna lo 0,8%, l'S&P 500 lo 0,7% e il Nasdaq Composite l'1%.

Ancora in rally Apple (+4%) dopo il +10,47% di venerdì. Tra gli altri titoli in evidenza Varian Medical Systems +22%. Siemens Healthineers ha comunicato di avere raggiunto l'accordo per il takeover del gruppo specializzato in strumentazione e software in particolare per il settore oncologico, con un'offerta di 177,50 dollari in contanti per azione che valuta 16,4 miliardi la società di Palo Alto.

L'ex divisione healthcare di Siemens ha ricevuto l'approvazione unanime del board della preda ma dovrà ora ottenere anche quella degli azionisti oltre al via libera regolatorio. Microsoft +2%. Il colosso informatico intende chiudere l'acquisizione delle attività Usa di TikTok entro il 15 settembre. Loews Corporation -3%. La holding ha chiuso il secondo trimestre con una perdita di 835 milioni di dollari contro l'utile di 249 milioni dello stesso periodo di un anno prima. I ricavi sono calati a 2,31 miliardi di dollari da 3,623 miliardi.

Marathon Petroleum +4%. Il gruppo energetico ha comunicato di avere raggiunto l'accordo per cedere le stazioni di rifornimento Usa a marchio Speedway a 7-Eleven, società fondata quasi un secolo fa a Dallas e controllata dalla giapponese Seven & i Holdings. 7-Eleven pagherà 21 miliardi di dollari in contanti, mentre l'incasso dopo le tasse sarà di 16,5 miliardi per Marathon, che ha spiegato che lo utilizzerà per il rimborso del debito esistente.

Tyson Foods +2%. Il gruppo alimentare ha annunciato una trimestrale superiore alle attese ed ha nominato Dean Banks nuovo CEO. McKesson Corporation +5%. Il distributore farmaceutico ha rivisto al rialzo la stima di utile per azione adjusted dell'esercizio fiscale 2021 a 14,70-15,50 dollari da 13,95-14,75 dollari. Sul fronte macroeconomico l'indice Markit PMI manifatturiero finale a luglio è cresciuto a 50,9 punti da 49,8 punti del mese precedente e contro i 51,3 punti della lettura preliminare. L'Institute for Supply Management ha reso noto che l'Indice ISM Manifatturiero, nel mese di luglio, si è attestato a 54,2 punti da 52,6 punti di giugno. Il dato e' risultato superiore alle attese degli analisti che avevano stimato un valore dell'indice pari a 53,6 punti. Il Census Bureau reso noto che negli States la spesa per le costruzioni e' diminuita dello 0,7% a giugno dopo il -1,7% (dato rivisto da -2,1%) di maggio. Gli economisti avevano previsto un incremento dell'1,0%.

(RV - www.ftaonline.com)