La Borsa di New York ha chiuso la prima seduta della settimana in rialzo grazie soprattutto all'ottimismo su una rapida campagna di somministrazione dei vaccini per combattere la pandemia di coronavirus. Il Dow Jones ha guadagnato l'1,12%, l'S&P 500 lo 0,56% ed il Nasdaq Composite lo 0,22%. La settimana si era chiusa con l'annuncio di Pfizer della presentazione presso la U.S. Food and Drug Administration (Fda) della richiesta per l'Emergency Use Authorization (Eua, autorizzazione per uso d'emergenza) del vaccino cui sta lavorando insieme alla tedesca BioNTech e domenica fonti del governo americano hanno dichiarato che potrebbe già essere somministrato agli operatori sanitari per metà dicembre.
Tra i titoli in evidenza Schrödinger +11,63%. L'azienda "life sciences" ha annunciato un accordo da potenziali 2,7 miliardi di dollari con Bristol Myers Squibb (Bms). La big pharma pagherà da subito a Schrödinger 55 milioni di dollari ma tra successivi riconoscimenti di determinati obiettivi e royalty l'incasso totale potrebbe raggiungere i 2,7 miliardi. Schrödinger lavorerà allo sviluppo di molecole mirate su oncologia, immunologia e disturbi neurologici. Bristol Myers Squibb si occuperà successivamente di produzione e commercializzazione dei prodotti, detenendone i diritti su scala globale.
Regeneron Pharmaceuticals +0,94%. Il gruppo biofarmaceutico ha ricevuto il via libera dalla Food and Drug Administration (FDA) all'uso della terapia a base di anticorpi contro il Covid-19.
Tesla +6,51%. Il titolo del produttore di auto elettriche ha toccato il nuovo record storico.
Foot Locker -2,60%. Piper Sandler ha peggiorato il giudizio sulle azioni del rivenditore di abbigliamento sportivo a "underweight".
Sul fronte macroeconomico Markit ha reso noto che nel mese di novembre l'Indice PMI Manifatturiero (stima preliminare) e' salito a 56,7 punti dai 53,4 punti del mese precedente. Il dato è superiore alle attese degli analisti che avevano previsto un calo a 53,0 punti.

(RV - www.ftaonline.com)