La Borsa di New York ha chiuso la seduta in rialzo grazie all'effetto. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,78%, l'S&P 500 lo 0,8% e il Nasdaq Composite lo 0,99%. L'indice delle blue chip ha superato per la prima volta quota 20 mila punti.

I mercati sembrano convinti che le misure del neo presidente Usa rilanceranno l'economia a stelle e strisce.
L'Indice Prezzi Abitazioni pubblicato dalla Federal Housing Finance Agency (FHFA) è cresciuto dello 0,5% nel mese di novembre, a 241,3 punti, risultando superiore alle attese degli addetti ai lavori pari a +0,4%. Su base annuale l'indice è salito del 6,1%.
Sul fronte societario Boeing +4,24%. Il colosso aerospaziale ha annunciato una trimestrale superiore alle attese. Nel quarto trimestre l'utile per azione adjusted si è attestato a 2,47 dollari su ricavi per 23,29 miliardi. Gli analisti avevano previsto un Eps a 2,34 dollari su ricavi per 23,13 miliardi. Per il 2017 la società stima un Eps adjusted compreso tra 9,10 e 9,30 dollari su ricavi per 90,5-92,5 miliardi.
Texas Instruments +1,95%. Il produttore di semiconduttori ha comunicato risultati relativi al quarto trimestre segnati dal progresso dei profitti netti del 26% a 1,05 miliardi, pari a 1,02 dollari per azione, a fronte di ricavi in crescita del 7,1% a 3,41 miliardi. Performance trainata in positivo soprattutto dal business dei chip utilizzati nel settore automotive. Per l'attuale trimestre Texas Instruments prevede 78-88 centesimi di utile su 3,17-3,43 miliardi di ricavi, contro i 75 centesimi e 3,21 miliardi del consensus di Thomson Reuters.
Arctic Cat +41,71%. Textron ha annunciato l'acquisto del produttore di quad per 247 milioni di dollari in contanti (18,50 dollari per azione).