La Borsa di New York ha chiuso la prima seduta della settimana in ordine sparso. Sostenzialmente piatto il Dow Jones (+0,02%) mentre l'S&P 500 ha perso lo 0,28%. Male il Nasdaq Composite (-1,61%) condizionato negativamente dal tonfo dei tecnologici.
Le azioni Apple (-1,01%), Alphabet (-6,12%), Amazon (-4,64%) e Facebook (-7,51%) sono state penalizzate dalle indiscrezioni su possibili inchieste da parte delle autorità americane. In particolare il gruppo di Cupertino sarebbe finito nel mirino dell'Antitrust mentre per le altre tre c'è l'interessamento della Federal Trade Commission.
Tra gli altri titoli in evidenza Cypress Semiconductor +23,85%. Infineon ha comunicato di avere raggiunto l'accordo per il takeover della società californiana, per una valutazione di 9,0 miliardi di euro, debito incluso. Il produttore tedesco di semiconduttori pagherà 23,85 dollari in contanti per azione.
El Paso Electric +13,54%. Infrastructure Investments Fund ha messo sul piatto 68,25 dollari per azione in contanti per l'acquisto del gruppo dei servizi di pubblica utilità. Il prezzo per azione offerto è pari a 68,25 dollari.
Centene -10,28%. Il gigante dell'assicurazione sanitaria Humana ha smentito le voci di una proposta per una fusione con la rivale.
Sul fronte macroeconomico l'Institute for Supply Management ha reso noto che l'Indice ISM Manifatturiero, nel mese di maggio, si è attestato a 52,1 punti dai 52,8 punti del mese precedente. Il dato e' risultato inferiore alle attese degli analisti che avevano stimato un valore dell'indice pari a 53 punti.
Il Census Bureau reso noto che la spesa per le costruzioni e' rimasta invariata ad aprile dopo essere cresciuta dello 0,1% a marzo (rivisto da -0,9%), deludendo però le attese degli economisti fissate su un incremento dello 0,4%.