Borsa di New York in ordine sparso dopo i primi scambi. Il Dow Jones, grazie a energetici e banche, guadagna lo 0,3% mentre il Nasdaq Composite, penalizzato dalle prese di beneficio sui tecnologici, cede lo 0,4%. Poco mosso l'S&P 500.

Tra i titoli in evidenza PriceSmart +6%. Il gruppo della grande distribuzione a discount ha comunicato risultati relativi al terzo trimestre del suo esercizio segnati da profitti netti in declino da 14,1 milioni di dollari, pari a 46 centesimi per azione, a 12,7 milioni, e 41 centesimi, contro i 26 centesimi del consensus. Nei tre mesi i ricavi sono invece cresciuti da 755,0 a 768,4 milioni di dollari, contro i 693,4 milioni attesi dagli analisti. Il consensus di FactSet era invece per 79 centesimi e 856,7 milioni rispettivamente. Foot Locker +3,5%. Susquehanna ha alzato il rating sul titolo del rivenditore di abbigliamento sportivo a "positive" da "neutral".

Gilead Sciences +2%. Il gruppo farmaceutico ha fornito dati incoraggianti del remdesivir. Secondo i risultati di uno studio di fase III, il trattamento antivirale sperimentale ha ridotto del 62% il rischio di mortalità nei pazienti affetti da forma grave di coronavirus.

Greenbrier +12%. L'azienda specializzata nella produzione di allestimenti per le carrozze dei treni ha annunciato una trimestrale superiore alle attese. Nel terzo trimestre l'utile per azine adjusted si è attestato a 1,05 dollari su ricavi per 762,6 milioni. Gli analisti avevano previsto un Eps a 0,14 dollari su ricavi per 616,1 milioni. Sul fronte macroeconomico il Bureau of Labor Statistics ha pubblicato l'indice dei prezzi alla produzione di giugno che ha mostrato un calo mensile dello 0,2% inferiore alle attese (+0,4%) e alla rilevazione di maggio (+0,4%).

(RV - www.ftaonline.com)