Le principali Borse europee hanno aperto la seduta in ribasso dopo il sell-off ieri a Wall Street. L'indice Stoxx 600 cede l'1,2%, il Dax30 di Francoforte l'1%, il Cac40 di Parigi l'1,2%, il Ftse100 di Londra l'1,3% e l'Ibex35 di Madrid l'1,3%.
Listini penalizzati dalle incertezze sulla ripresa economica, dall'assenza di nuove misure fiscali da parte del Congresso Usa, dall'aumento dei contagi da coronavirus e dalle tensioni tra Corea del Nord e del Sud.
Tra i titoli in evidenza Trigano +9%. Il produttore di camper e caravan ha chiuso il quarto trimestre con un giro d'affari in crescita del 33,7% a 627,9 milioni di euro. Nell'esercizio 2019/2020 (terminato lo scorso 31 agosto) i ricavi sono diminuiti del 6,2% a 2,183 miliardi di euro.
Neoen -2%. Il gruppo delle energie rinnovabili ha rivisto al ribasso l'obiettivo di Ebitda 2020 a 270-285 milioni di euro da 270-300 milioni della precedente guidance. Nel primo semestre l'utile netto è cresciuto del 32% a 22 milioni di euro contro i 25 milioni del consensus FactSet. I ricavi sono aumentati del 33% a 157,2 milioni di euro mentre l'Ebitda è balzato del 58% a 148,2 milioni.
Accor -2%. Il ministro della salute francese Olivier Veran ha annunciato nuove restrizioni per cercare di contenere il nuovo picco di contagi da coronavirus.
Smiths Group -4%. Il gruppo tecnologico ha registrato nell'esercizio al 31 luglio profitti "continuing operations" in calo a 241 milioni di sterline da 326 milioni di un anno prima.

(RV - www.ftaonline.com)