Le principali Borse europee hanno aperto la seduta in rialzo grazie al possibile accordo per evitare un nuovo parziale "shutdown" negli Stati Uniti. L'indice Stoxx 600 guadagna lo 0,5%, il Dax30 di Francoforte l'1%, il Cac40 di Parigi lo 0,7%, il Ftse100 di Londra lo 0,4% e l'Ibex35 di Madrid lo 0,6%.
Il comparto auto registra la miglior performance settoriale.
Tra i titoli in evidenza Kering -3%. Il gruppo del lusso ha comunicato che nel 2018 le vendite consolidate sono rimbalzate del 26,3% annuo (29,4% a perimetro costante) a 13,66 miliardi di euro, grazie alle performance di Gucci e Saint Laurent, la cui crescita organica è stata del 36,9% e del 18,7% rispettivamente. Nel solo quarto trimestre, cruciale visto che comprende le festività natalizie, il colosso francese ha registrato invece un incremento delle vendite a perimetro costante del 24,5% a 3,8 miliardi di euro, contro il 22,6% del consensus di Infront citato da Reuters.
ThyssenKrupp -3%. Il gruppo siderurgico ha comunicato per il primo trimestre dell'esercizio 2018-2019 (chiuso lo scorso 31 dicembre) il balzo dei profitti netti del 69% annuo a 136 milioni di euro. Nel pari periodo del precedente anno fiscale il gruppo tedesco aveva scontato gli effetti della riforma fiscale Usa. Nei tre mesi le vendite sono cresciute del 2% a 9,74 miliardi di euro, a fronte di ordinativi aumentati dell'8% a 10,11 miliardi. L'ebit rettificato è invece crollato del 26% a 333 milioni di euro.
TUI -4%. Il gruppo del turismo ha chiuso il primo trimestre dell'esercizio fiscale 2018/2019 con una perdita operativa in crescita a 83,6 milioni di euro (rosso di 36,7 milioni nello stesso periodo di un anno prima).
Randstad +3%. Il gruppo specializzato nella ricerca di personale ha annunciato un Ebitda underlying superiore alle attese nel quarto trimestre.