La premier britannica Theresa May Theresa May ha chiesto all'Unione europea un rinvio della Brexit, limitato al 30 giugno.
"Scrivo per informare il Consiglio europeo che il Regno Unito punta a un'estensione del periodo di applicazione dell'articolo 50 fino al 30 giugno 2019", ha scritto May in una lettera al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk.

Secondo il primo ministro il divorzio da Bruxelles dovrà essere ordinato e lascia intendere che il parlamento voterà di nuovo sull'accordo già respinto due volte, pur non specificando quando.

May ha quindi escluso nettamente l'ipotesi di una proroga lunga, definendo "inaccettabile" la prospettiva che il Regno Unito possa partecipare alle prossime elezioni europee del 26 di maggio. Della stessa opinione è il presidente della Commissione Jean Claude Juncker.

(CC - www.ftaonline.com)