Sul mercato obbligazionario europeo anche la seduta odierna si è conclusa con un deciso rialzo del rendimento del Bund tedesco che si è fermato a -0,436%, spingendosi sui massimi da un mese.

Diverso l'andamento dei BTP che dopo il sell-off di ieri hanno visto tornare qualche acquisto, con il rendimento del decennale in calo dell'1,22% al close all'1,051%.

I BTP hanno reagito dopo l'impennata dei rendimenti registrata ieri, mentre non è riuscito a fare altrettanto il Bund che in sole tre sedute ha visto il tasso di finanziamento salire di 15 punti base.

Ieri in particolare la seduta è stata segnata da un rialzo dei rendimenti accompagnato da volumi consistenti.

Gli strategist di Unicredit evidenziano che il rendimento del Bund a 10 anni è tornato al di sopra di -0,5%, registrando il terzo maggior incremento giornaliero da inizio anno.

Proprio alla luce dei forti volumi di scambio, gli analisti segnalano che questo movimento potrebbe indicare un cambiamento del sentiment degli investitori.

Unicredit spiega che il mercato a inizio settimana scontava un grand numero di notizie negative e che il sell-off delle ultime sedute riflette un maggiore ottimismo sull'esito dei colloqui tra Cina e Usa e una prospettiva meno negativa sulla Brexit.

A ciò si aggiunge anche una crescente incertezza sulla capacità della BCE di offrire nuovi stimoli monetari, alimentata dalle divisioni in seno al Board emerse dai verbali diffusi ieri con riferimento al meeting di settembre.