Il Consiglio di Amministrazione della Centrale del Latte d'Italia S.p.A. (CLI) sotto la Presidenza Luigi Luzzati – società quotata dal 2001 al segmento STAR di Borsa Italiana oggi terzo player italiano del mercato del latte fresco e a lunga durata, con posizioni di leadership in Piemonte, Liguria, Toscana e Veneto – ha approvato oggi i risultati consolidati al 31 dicembre 2018 che verranno sottoposti all'Assemblea degli Azionisti il prossimo 30 aprile 2019. Nonostante la debolezza generale del mercato del latte e la riduzione dei consumi, il Gruppo CLI chiude l'esercizio 2018 con una crescita dei ricavi e un recupero delle marginalità. Questo grazie alla differenziazione dei territori, della clientela e allo sviluppo delle esportazioni, anche attraverso il canale del commercio online e mobile con l'apertura del primo flagship store virtuale cinese su Tmall, la più grande piattaforma b-to-c di e-commerce del Gruppo Alibaba. I ricavi netti del Gruppo CLI al 31/12/2018 risultano pari a 180,3 milioni di Euro rispetto ai 178,1 milioni di Euro al 31/12/2017, in aumento del 1,2%. Il risultato operativo lordo (EBITDA) al 31/12/2018 cresce del 7,5% passando dai 7,2 milioni di Euro al 31/12/2017 ai 7,7 milioni di Euro al 31/12/2018. Aumenta anche il risultato operativo netto (EBIT) che segna un +28,4% passando da 661 mila Euro al 31/12/2017 a 848 mila Euro al 31/12/2018. Il risultato netto consolidato dopo le imposte e dopo l'iscrizione di imposte anticipate per 541 mila Euro relative al Patent Box, è positivo per 398 mila Euro rispetto al risultato netto negativo di 260 mila Euro registrato al 31/12/2017. La posizione finanziaria netta del Gruppo al 31 dicembre 2018 è negativa per 73,7 milioni di Euro rispetto ai -62,3 milioni di Euro al 31/12/2017 a seguito di investimenti in corso negli stabilimenti del Gruppo.