Il tema del commercio tra Stati Uniti e Cina continua a rimanere sotto i riflettori del mercato, anche alla luce dell'incontro tra i due Paesi iniziato lunedì scorso e conclusosi oggi.
Per contrastare l'impatto negativo dei dazi Usa sulla crescita economica, Pechino è pronta ad annunciare degli interventi per stimolare ulteriormente i consumi.

In una intervista diffusa oggi il vicepresidente della Commissione per la riforma dello sviluppo nazionale cinese, Ning Jizhe, ha dichiarato che il Governo apporterà misure per aumentare il consumo di auto ed elettrodomestici. L’incentivo segue una serie di misure di stimolo più ampie annunciate questo mese al fine di contrastare il rallentamento dell’economia.

Non sono stati ancora forniti i dettagli sugli interventi in arrivo che seguono un secondo semestre 2018 in declino per le immatricolazioni di auto in Cina basti pensare che l’associazione cinese dei produttori di automobili prevede un calo del 3% su base annua per l’intero 2018.

In una nota diffusa oggi gli analisti di Equita SIM segnalano i vari titoli delle società presenti a Piazza Affari che potranno beneficiare degli incentivi cinesi.

Tra le società sotto la loro copertura, con un’esposizione al settore auto cinese, gli esperti segnalano Brembo, con l'11% del fatturato 2017, seguito da Pirelli ed Fca, oltre a Sogefi, ma compaiono anche alcuni titoli esteri come Umicore, Valeo, JMAT e Michelin.

Quanto alle aziende legate al settore elettrodomestici, in attesa di capire meglio che tipologia di prodotti rientra nel segmento "household appliances". la SIM milanese fa i nomi di Elica e Sabaf, con una quota di fatturato in Cina pari al 5% per entrambi.