La Borsa di New York ha chiuso la seduta in forte ribasso, penalizzata dal nuovo calo del petrolio e dai possibili effetti negativi dell'epidemia di coronavirus sull'economia globale. Il Dow Jones ha perso il 2,6%, l'S&P 500 il 2,6% e il Nasdaq Composite il 2,3%. L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha classificato Covid-19 "pandemia". Il greggio (Wti) ha lasciato sul terreno il 4,02% a 32,98 dollari al barile. Il Dow Jones, che ha perso dai massimi dello scorso 19 febbraio oltre venti punti percentuali, è entrato ufficialmente nella fase "bear market".
Tra i titoli in evidenza Boeing -18,16%. Il colosso aerospaziale paga la cancellazione di ordini e la fragilità finanziaria.
Dxc Technology -0,06%. La società nata dalla fusione di Computer Sciences Corporation ed Enterprise Services di Hewlett Packard Enterprise ha annunciato di avere raggiunto l'accordo per la vendita del business nei servizi sanitari a Veritas Capital per 5 miliardi di dollari in contanti.
Hilton Worldwide Holdings -10,22%. Il gruppo alberghiero ha ritirato la guidance sia per il primo trimestre che per l'intero esercizio. "Mentre il coronavirus si sta diffondendo oltre la Cina e la regione dell'Asia-Pacific, con il relativo aumento delle restrizioni ai viaggi e delle cancellazioni in tutto il mondo, riteniamo che il potenziale impatto negativo sarà maggiore della nostra stima precedente e abbiamo deciso di ritirare la nostra guidance precedentemente annunciata", ha dichiarato il chief executive Christopher Nassetta.
Cloudera +0,51%. La società specializzata in software basati sul cloud per data engineering, data warehousing, machine learning e analytics ha comunicato risultati relativi al quarto trimestre segnati da perdite nette ridottesi da 85,5 milioni di dollari, pari a 45 centesimi per azione, a 64,3 milioni, e 22 centesimi. Su base rettificata l'eps si è attestato a 4 centesimi, a fronte di ricavi in crescita da 144,5 a 211,7 milioni di dollari. Il consensus di FactSet era invece per 3 centesimi di perdita per azione e 201,8 milioni di giro d'affari.
PepsiCo -3,27%. Il colosso delle bevande ha annunciato l'intenzione di acquistare il gruppo delle bevande energetiche Rockstar Energy Beverage per 3,85 miliardi di dollari.
Tra i titoli a maggiore capitalizzazione Apple (-3,47%), Microsoft (-4,53%) e Amazon (-3,75%).
Sul fronte macroeconomico il Dipartimento del Lavoro ha comunicato che nel mese di febbraio l'indice grezzo dei prezzi al consumo è cresciuto dello 0,1% rispetto a gennaio risultando pari alla rilevazione precedente ma inferiore alle attese, fissata al+0,2%. Su base annuale l'indice si è attestato al +2,3%, inferiore alla lettura di gennaio (+2,5%) ma superiore al consensus, fissata su un incremento del 2,2%. L'indice Core (esclusi energetici ed alimentari) è cresciuto dello 0,2% rispetto al mese precedente (consensus +0,2%). Su base annuale l'indice e' salito del 2,4% risultando superiore alla rilevazione precedente e alle attese, entrambe pari al +2,3%.

(RV - www.ftaonline.com)