Credito Valtellinese (+2,1% a 0,1085 euro) estende il rally di ieri (+4,22%) in vista dell'assemblea del 12 ottobre chiamata a eleggere il nuovo cda: secondo indiscrezioni Credit Agricole (socio con il 5%) potrebbe presentare una lista ma il senior country officer per l'Italia Giampiero Maioli ha smentito. Il Sole 24 Ore scrive che la famiglia Dumont (ha il 5,8%) ha proposto Luigi Lovaglio, ex ad di Bank Pekao (gruppo UniCredit), alla presidenza. Nelle ultime sedute i volumi sono stati elevati: possibile che gli azionisti si siano attivati per dare maggiore consistenza alle rispettive partecipazioni in vista del voto in assemblea. L'analisi del grafico di Credito Valtellinese evidenzia l'avvicinamento del titolo all'importante riferimento rappresentato dal massimo di fine luglio a 0,1104 euro. L'eventuale superamento di questo ostacolo aprirebbe le porte a un allungo verso 0,1398, picco di aprile. Discese sotto 0,10 favorirebbero invece un ripiegamento sui supporti a 0,093/0,094.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)