Crollo superiore al 5% in after market per Cisco Systems (la seduta di martedì si era già chiusa con un declino dello 0,90% al Nasdaq) dopo che il colosso Usa delle infrastrutture di rete ha presentato risultati relativi al secondo trimestre del suo esercizio marginalmente migliori rispetto alle attese del mercato, deludendo però sulle vendite. Nel secondo trimestre Cisco ha registrato profitti netti in declino da 2,88 miliardi di dollari, pari a 60 centesimi per azione, a 2,55 miliardi, e 68 centesimi. Su base rettificata l'eps è salito da 77 a 79 centesimi, appena sopra ai 76 centesimi del consensus di FactSet. I ricavi sono scesi marginalmente da 12,01 a 11,96 miliardi, anche in questo caso sopra agli 11,92 miliardi stimati dagli analisti. Le vendite nel segmento infrastrutturale sono salite del 3% annuo a 6,39 miliardi, contro i 6,23 miliardi del consensus di FactSet. Nella divisione Applications sono rimaste sostanzialmente invariate a 1,35 miliardi, contro gli 1,40 miliardi attesi dagli analisti, mentre in Security sono rimbalzate del 10% annuo a 822 milioni di dollari, anche in questo caso sotto agli 833 milioni del consensus. I ricavi dai servizi sono aumentati del 2% a 3,39 miliardi, contro i 3,41 miliardi attesi dal mercato.

(RR - www.ftaonline.com)