Seduta archiviata poco sotto la parità quella di ieri per il Dax, che ha chiuso gli scambi a 12308 punti. Il quadro grafico non ha subito grandi scossoni rispetto al giorno precedente. I prezzi si sono mantenuti a ridosso della trend line ribassista che unisce i massimi del 15 giugno 2018 con quelli del 3 maggio 2019, resistenza che per ora si sta opponendo con successivo al tentativo di allungo. Il bel recupero di martedi' e' partito dal test in area 11988 della media esponenziale a 50 giorni ed e' stato accompagnato da un vistoso rialzo dei volumi, evento che fornisce maggiore credibilita' al movimento. Una chiusura di seduta oltre i 12350 punti farebbe pensare ad una concreta possibilita' di rottura dei massimi di maggio a 12436 punti circa con successivo rialzo verso 12900, 78,6% di ritracciamento del ribasso dal top di gennaio 2018 (il 61,8%, percentuale critica, e' stato toccato dai massimi del 18 giugno). Senza la rottura di 12350 confermata in chiusura di seduta resterebbe il rischio di una flessione simile a quella vista a inizio maggio dopo che i prezzi avevano testato, come martedi', il 61,8% di ritracciamento del ribasso dell'ultimo anno e mezzo.

(AC)