Versione con grafico disponibile all'indirizzo http://ftaonline.com/blog/dax-i-minimi-del-20-novembre-potrebbero-essere-un-punto-di-arrivo

Dax, i minimi del 20 novembre potrebbero essere un punto di arrivo. Il Dax ha toccato con i minimi del 20 novembre a 11009,25 la base del canale ribassista che parte dal top di inizio anno. I prezzi hanno violato, anche se per ora solo marginalmente, il 50% di ritracciamento del rialzo dai minimi di inizio 2016. Lo spazio di manovra e' molto ridotto, una piccola sbavatura sotto i minimi di ieri convincerebbe della violazione del 50% retracement prospettando il test del livello di Fibonacci successivo, il 61,8% a 10550 circa (da non dimenticare la presenza del testa spalle ribassista disegnato dai massimi di giugno 2017 e completato a fine ottobre, figura che proietta obiettivi anche piu' in basso). C'e' pero' ancora una speranza che i minimi di martedi' 20 novembre siano dei minimi di periodo, una speranza che ci viene da una possibile lettura con la teoria di Elliott del grafico. La conta ipotizza che i minimi di marzo siano stati la A di una terna correttiva, il rimbalzo fino al top di maggio la onda B e che con i minimi di martedi' sia terminata l'onda C. A sostegno di questa conta il fatto che il ribasso dal top del 22 maggio (13204) al minimo del 31 maggio (12548 circa, quindi 656 punti di ampiezza), possibile onda 1 di C, sia molto simile a quello dal 2 novembre (11690) al 20 novembre (11009, quindi 681 punti), possibile onda 5 di C. L'equality tra onda 1 e onda 5 e' uno dei tratti caratteristici di un movimento in 5 onde (anche se non una regola ferrea). Da notare l'equivalenza anche tra il ribasso dal top del 27 luglio a 12887 ai minimi del 15 agosto a 12121 circa (766 punti), onda i di 3 di C, e quello dal top del 17 ottobre a 11848 ai minimi del 26 ottobre a 11051, possibile onda v di 3 di C (797 punti). Se con i minimi del 20 novembre, che ricordiamo sono sulla base del canale che contiene la discesa dal top di inizio anno e prossimi al 50% di ritracciamento del movimento precedente, fosse effettivamente terminata una terna ABC iniziata a gennaio (con onda A di ampiezza molto simile alla C) ora potremmo aspettarci un rialzo anche consistente. L'ipotesi minima e' che il 20 novembre sia terminata non tutta la correzione del rialzo dai minimi del 2016 ma solo la sua onda |A|, quindi ora ci aspetterebbe una |B| rialzista con target ad esempio sul lato alto del canale, a 12700 circa. L'altra ipotesi e' che dai prezzi attuali possa ripartire il rialzo di lungo termine. Sotto area 11000 invece si dovrebbe ipotizzare una estensione di C (partita a giugno) rispetto a A (partita a gennaio e terminata a marzo), per adesso le due onde sono di ampiezza simile, con primo target a 10150 circa, ottenuto proiettando l'ampiezza di onda A moltiplicata per 1,618 volte dal top di onda B.