Dax, inizio di ottava privo di emozioni. Il Dax inizia la settimana dando un seguito alla fase laterale che si sta sviluppando dai massimi di inizio mese. Il mercato sembra insensibile agli stimoli, sia a quelli provenienti da oltre oceano, con la offerta di Broadcom per Qualcomm, dal controvalore di 130 miliardi di dollari, sia all'incremento del prezzo del greggio, che per il momento non ha pero' evidentemente spinto gli operatori a rivedere le aspettative di inflazione (e di livello dei tassi di interesse, tanto che i rendimenti del Bund decennale sono scesi sui minimi delle ultime sei settimane). Solo una fuoriuscita dall'intervallo compreso tra i 13400 e i 13500 punti, range di oscillazione delle ultime sedute, fornirebbe nuovi spunti direzionali per il Dax. La violazione della base di questo intervallo farebbe temere la ricopertura del gap rialzista del 1° novembre con base a 13250 circa. Sotto quei livelli attesa poi la ricopertura del gap del 27 ottobre a 13140 circa. Oltre 13500 invece probabile il raggiungimento in area 13650 del lato alto del canale crescente che parte dai minimi di fine agosto.

(AM)